Tag

, , , , , , , , ,

Dolce pasquale tipico di Trieste e del Carso nella mia versione vegan.

Ingredienti:
pasta per pinza (circa 500/600 gr)
50 gr di nocciole tostate
50 gr di noci
50 gr di zucchero di canna
50 gr di uvetta
50 gr di burro di soia
50 gr di pangrattato
50 gr di cioccolato fondente
la buccia grattugiata di un’arancia
un bicchierino di rum

Procedimento:
Preparare la pasta per la pinza.
Il giorno dopo preparare il ripieno: mettere l’uvetta in ammollo nel rum, tritare noci e nocciole, sciogliere il cioccolato a bagnomaria e, infine, in un pentolino rosolare il pangrattato nel burro di soia. Raccogliere tutti gli ingredienti per il ripieno in una terrina: noci e nocciole tritate, zucchero, pangrattato rosolato nel burro di soia, uvetta con tutto il rum, buccia d’arancia grattugiata, cioccolato sciolto a bagnomaria. Amalgamare bene aggiungendo poca acqua per ottenere un impasto morbido.
Stendere la pasta, preparata il giorno prima, abbastanza sottile (circa mezzo centimetro) e distriburci uniformemente il ripieno tagliando eventualmente l’eccesso di pasta (con cui si possono preparare
piccole pinze o titole).
Arrotolare bene e adagiare il dolce sulla leccarda del forno dandogli la forma di una coroncina. Lasciar lievitare per una mezz’oretta circa. Nel frattempo preriscaldate bene il forno. Al momento di infornare spennellare la putizza con un po’ di latte vegetale. Cuocere il dolce per 30 minuti a 125°, poi aumentare a 150° e terminare la cottura per altri 25/30 minuti. Controllare la cottura con uno stecchino di legno, poi sfornare e far raffreddare la putizza su una gratella.

Annunci